Luke Evans intervistato da The Hollywood Reporter

Oggi vi proponiamo la traduzione dell’intervista che Luke ha rilasciato a THR durante la promozione de “La Bella e La Bestia”. Ringraziando nuovamente Giulia, vi ricordiamo che chi volesse contribuire alla vita del blog può scriverci un messaggio privato qui o scriverci per posta a luke.evans.addicted@gmail.com  Buona Lettura! ^_^

“Se c’è una cosa che mi trovo a mio agio fare, è cantare” dice Evans che recita la parte di Gaston nella fiaba Disney in live action “La Bella e La Bestia”.

Luke Evans ha iniziato sul palco, recitando in molte delle produzioni del West End di Londra che includono “Rent”, “Miss Saigon” e “Avenue Q”, ma quando la carriera cinematografica dell’attore ha preso il decollo con “Scontro tra Titani” nel 2010, ha lasciato da parte il canto. La carriera di Evans sul grande schermo ha per lo più coinvolto ruoli dark, “Fast&Furious – Fast 6”, “Dracula Untold” nel 2014, e nel 2016 “La Ragazza del Treno”.

È  stato a causa della sua performance in “Piaf” a Londra, quasi una decina di anni fa, che un agente ha pensato ad Evans per il ruolo di Gaston nel Disney live action “La Bella e La Bestia”.

Evans recita il bello, affascinante ed egoista Gaston con Emma Watson nella parte di Belle in “La Bella e La Bestia”, che esce nei cinema questo weekend. Prima dell’uscita, THR ha parlato con Evans (che ora è a Budapest a girare “The Alienist”) di come ha fatto ad avere il ruolo, del passato di Gaston e di cosa gli piacerebbe fare in futuro.

Come hai fatto ad avere il ruolo?

È  stato un direttore di casting che stava facendo casting fuori Londra e sapeva che cantavo. Mi aveva già visto prima in un musical che ho fatto, chiamato “Piaf”,  a Londra, al Donmar Warehouse, quindi è stata molto attenta al fatto che sapessi cantare, anni prima. Sapeva che non avevo più cantato da quando ho iniziato a fare film e poi è arrivato questo. Ha aspettato il momento giusto per portarmi dal regista (Bill Condon). Siamo stati subito in sintonia e tutto è andato al suo posto.

Hai detto che non hai più cantato da quando hai iniziato a fare film. È  stata una scelta di non cogliere certe opportunità?

Ci sono state delle offerte negli scorsi anni ma non sono sembrate essere valide quindi non le ho accettate. I miei agenti mi hanno dovuto spingere per convincermi a fare “La Bella e La Bestia”, perché era da parecchio tempo che non avevo visto il cartone animato e avevo dimenticato il ruolo di Gaston. Vedi tutte le sfumature del carattere, dall’adorabile furfante al buffone, al geloso, a quella sorta di mostro vendicativo che diventa alla fine del film. Quindi mi sono dovuto sedere, guardare il cartone con i miei figliocci e ho realizzato quanto fosse brillante quel ruolo, che avrei assolutamente dovuto farlo.

Com’è andata con la storia del passato di Gaston?

È  qualcosa di cui Bill ha parlato e che abbiamo mantenuto nella storia. Era un capitano dell’esercito quindi ad un certo punto è diventato un uomo militaresco. Il suo costume lo riflette. È  sempre immacolato, vuole sempre apparire elegante. È sempre in ghingheri. È  un cacciatore, cavalca un cavallo, ha una pistola. Abbiamo creato una storia di fondo in questo villaggio francese nel quale è stato portato e che ha protetto da un’invasione quando era giovane. I suoi momenti più felici sono i momenti in cui era in battaglia perché è li che ha guadagnato la notorietà e il suo stato di eroe nel villaggio, e non ha permesso al villaggio di dimenticarlo. Ha tipo avuto 15 minuti di fama e se li porta dietro da quel momento. Per un momento ho pensato che avesse sofferto di disturbo post traumatico da stress, aveva problemi a gestire la rabbia, aveva anche un grosso problema con il suo ego e quando Belle lo ha rifiutato, lo ha perso.

Gaston è stato il tuo primo ruolo cantato in un film. Eri a tuo agio o eri nervoso?

Se c’è una cosa che mi sento a mio agio fare in questa vita, è cantare. È come una terapia. Canto a chiunque, a qualunque ora, in qualunque posto, canterò sempre. Amo  cantare. Per me è stata una gioia farlo sul grande schermo tramite un film così meraviglioso come “La Bella e La Bestia”, recitare quel ruolo con quelle canzoni. È stato magico.

Il “numero di Gaston” diverte molto la gente.

È  grandioso. È  stato molto difficile perché succedevano parecchie cose nella versione animate. Penso che abbiamo capito che nella versione animata c’erano solo cinque persone – ma pensi che ce ne siano molte di più. Ma ovviamente nel film ci sono più o meno 50 o 60 persone in quella taverna. È  stato divertente fare le prove e passare settimane a creare e costruire la coreografia e gli effetti speciali. Poi andare nello studio a registrare la canzone, aggiungere qualche acuto con le mie capacità vocali e anche qualche nota. Quando ho visto la premiere, (quella scena) è stata la prima volta che il pubblico applaudiva. È  stato un momento carino.

Si è molto parlato della sessualità di LeFou (Josh Gad) da quando Bill Condon ha menzionato un momento gay nel film. È  forse stato ingrandito ma quale direzione ha dato sul set sulla relazione tra Gaston e LeFou?

Penso che sia stato ingrandito. Una volta che le persone vedranno il film si chiederanno quale fosse. Non è neanche stata veramente una conversazione. Il personaggio di LeFou è stato probabilmente quello più ridisegnato tra tutti. Nel film d’animazione è tipo alto due piedi, dalla battuta sempre pronta e bersaglio di scherzi. Ha gli animali seduti sulla sua testa, piatti rotti sulla sua testa, tutte quelle cose ridicole che funzionano solo in forma animata. Quindi quando lo hanno portato alla forma umana con Josh, si è pensato parecchio al personaggio di LeFou e la sua connessione con Gaston. C’è molta sincerità, sono migliori amici, sono stati nella vita l’uno dell’altro per molto tempo. Ricordo quando ero un bambino e guardavo i miei amici più grandi e pensavo “Ah. Un giorno voglio essere come loro. Voglio giocare a rugby come loro. Tutti pensano che sono i migliori, voglio essere così.” Penso che LeFou guarda Gaston in quel modo – come un eroe. Sicuramente non penso che ci sia altro oltre a questo. Sono solo buoni amici. Una cosa carina sul personaggio di LeFou è che durante il film trova la sua anima come tutti gli altri. È una storia universale e penso che sia una bellissima decisione di tutti che questo sia entrato a far parte della storia.

Cosa pensi della  decisione della Disney  di non togliere il momento gay da qualche mercato internazionale che lo aveva richiesto?

Non ho veramente seguito la vicenda ma è un film bellissimo e nessuno dovrebbe toccarlo. È  fatto in maniera perfetta e penso che debba rimanere così com’è. È  un film fantastico e le persone non dovrebbero perderselo.

Hai già girato Il Professor Marston & Wonder Woman, sull’uomo che ha creato Wonder Woman. Com’è stato recitare quella parte?

È  una storia che non tutti conoscono. Conosciamo tutti Wonder Woman ma non molti sanno le sue origini e chi l’ha creata. È  stato un professore di psicologia di Harvard che ha inventato il test della verità. Inoltre ha avuto una relazione con sua moglie e un’altra donna e hanno vissuto insieme, condiviso una vita, hanno avuto dei bambini. Sono stati ostracizzati dalla società. Hanno perso il lavoro. Hanno fatto fatica ad essere accettati. La storia è più incentrata sull’uomo e le donne nella sua vita e su quelle donne che lo hanno ispirato a creare la prima donna supereroe, Wonder Woman. È  stato uno dei primi uomini femministi in America. Comunque, giravamo nel periodo dei dibattiti Clinton/Trump. Era come se il personaggio stesse lottando per qualcosa nell’America degli anni ’30 e ci stesse lottando nel 2016, quindi era estremamente parallelo.

Ora che hai fatto una fiaba Disney, cos’altro vuoi fare?

Devo dire che crea dipendenza guardare un film con un pubblico e sentirli ridere per qualcosa che hai fatto. Non l’ho sperimentato tante volte nella mia carriera e ti dirò che è stato piacevole. Mi ha fatto pensare che forse dovrei provare con le commedie un po’di  più di quello che ho fatto finora. Mi è piaciuto parecchio farlo in quel film, specialmente lavorando con Josh Gad. Penso che lavoreremo di nuovo insieme.

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...