Intervista Lo Hobbit con DenOfGeek

bardbain

Visto che in questo periodo ci manca molto Bard l’Arciere, vi proponiamo la traduzione di una vecchia intervista sull’ultimo film del lo Hobbit rilasciata da Luke durante la promozione del film.

Buona lettura!

Essendo  un fan di Luke Evans da diversi anni, è stata una strana coincidenza che dopo aver finalmente avuto la possibilità di intervistarlo per Dracula Untold qualche mese fa, ci è stata quasi subito offerta un’altra possibilità di fare due chiacchere sull’uscita de Lo Hobbit: La battaglia delle cinque armate, del 12 dicembre.

Il tempismo non potrebbe essere migliore in effetti, se c’era una parte della trilogia su cui parlare di Bard L’Arciere è proprio questa. Dopo che Peter Jackson ha deciso in modo controverso di terminare La desolazione di Smaug con un cliffhanger, ha lasciato il povero Bard chiuso in una cella e ha posticipato il suo meritato momento di gloria contro il drago, ma ne La battaglia delle cinque armate possiamo vedere il meglio dell’Arciere  e l’interpretazione di Luke Evans dà al barbuto ed eroico personaggio grande giustizia.

Evans ha velocemente collezionato un vario elenco di ruoli, incluso un cattivo in Fast&Furious 6, uno dei tre moschettieri in bhè.. I tre moschettieri, due diversi dei greci in Scontro fra Titani e Immortals e anche un personaggio romantico a fianco di Gemma Arterton in Tamara Drewe.

Anche questa volta l’intervista avviene alla fine della sua giornata lavorativa e si trova a confessare “Sono esausto, amico!”, che gli ho fatto notare era la stessa situazione per la nostra chiaccherata su Dracula Untold, al quale ha scherzato “Oh, amico devi arrivare prima, devi sistemare i tuoi appuntamenti!”.

Congratulazioni per il film. Devi aver atteso con impazienza questa parte della trilogia, dato che finalmente il tuo personaggio Bard ottiene il suo momento di gloria.

LE: Sì, so che sarebbe arrivato e ho parlato con Peter per tutto questo anno e mi diceva che stava venendo fuori davvero bene e che Bard è davvero un personaggio forte, il personaggio emerge davvero. Ma ero davvero scioccato e  felice e compiaciuto del modo in cui è risultato, perché è davvero un personaggio interessante ed ha avuto un’ascesa incredibile dal povero barcaiolo fino ad essere il capo dell’esercito degli uomini e uccide addirittura il maledetto drago! Voglio dire, è davvero una bella progressione!

Assolutamente. Da un punto di vista del pubblico è stato un po’ un peccato che il drago non sia stato ucciso alla fine dell’ultimo film, ma ne è comunque valsa la pena di attendere, lo pensi anche tu?

LE: Sì, penso di sì. Vado matto per i cliffhanger, quelli belli, penso che sarebbe stato un finale epico e inoltre adoro di questo film che  non fa nessun riassunto, se non hai visto il secondo sono cavoli tuoi, devi andare avanti! Mi piace questa cosa, è come dire ‘Non abbiamo avuto tempo di fare il recap, non ne abbiamo bisogno, abbiamo altri due film dove spieghiamo il resto della storia, non spieghiamo nient’altro, è qui che siamo, a Pontelagolungo ed è qui dove la storia riparte e mantiene quell’andatura per tutto il film, il quale lo rende diverso dagli altri due e l’ho amato.

Uno dei momenti che ho amato in questo film è stato il tuo momento alla Guglielmo Tell con il tuo filglio sulle schermo, è stato spaventoso per lui guardarti tirare la corda dell’arco proprio davanti alla sua faccia?

LE: [ride] sì, abbastanza. Almeno, devi ricordare che non era un arco reale, la corda, fingevo di averla!

Non l’avrei mai detto!

LE: No, è stata un’idea di Peter e penso ci sia voluto un po’ prima che Fran e Philippa accettassero il fatto che Bard appoggiasse la freccia nera sulla spalla di Bain alla fine, ma Peter e io abbiamo sempre pensato che sarebbe stata una buona idea –  ci è piaciuta molto – ma credo che le ragazze.. abbiano avuto bisogno di un po’ di tempo per digerire la cosa, ma ci siamo riusciti e credo che funzioni molto bene. Intendo che alla fine, quello che passa per la testa di Bard è che stanno per morire e preferisce morire insieme, lottando per una buona causa per poi sparire all’interno della torre verso l’inferno.

È sempre meglio andarsene combattendo!

LE: esatto!

E come è stato tutto il lavoro con il green screen? Hai avuto molti colleghi umani ma hai dovuto comunque usarlo giusto?

LE: sì, l’abbiamo usato un sacco! Ci sono stati parecchi giorni in cui ero da solo  in un set con il green screen nella mia casa, mentre i nani erano in un set differente. Molti altri, come la scena del carro, cavalcare quel carro era tutto digitale, ci sono stati un sacco di scene che abbiamo dovuto fare così.

Penso che il fatto che fossi in Nuova Zelanda abbia comunque aiutato, visto non solo il paesaggio ma anche l’incredibile design production che fanno.

LE: certo, tutto ha aiutato. C’è l’incredibile Weta Workshops, dove tutti con gran fortuna abbiamo potuto conoscere privatamente e vedere tutto di prima mano e toccare tutto, cosa che di solito non puoi fare! Quindi è stato davvero grande!

Posso immaginare, e vedendo i documentari dietro le quinte, il lavoro della Weta è incredibile.

LE: ti toglie il fiato.

Quindi sei riuscito a tenere qualcosa?

LE: Ho tenuto la spada. Hanno realizzato una spada da quella finta che ho usato nel film, la Durian dei miei antenati; ne hanno fatta fare una vera. E conosco il tizio che l’ha fatta, molto gentile. Era un mio amico in realtà,  ha fatto la mia spada, il che lo rende ancora più emozionante. Perché ho un sacco di amici che lavorano alla Weta a cui mi sono molto legato, e il fatto che quando è stato chiesto loro di fare la mia spada è stato il mio amico Tristan che l’ha fatta è stato davvero fico. Sono stato davvero molto felice di questo.

È fantastico. Quindi conoscevi queste persone da prima, o siete diventati amici sul set?

LE: non siamo diventati amici mentre ero in Nuova Zelanda.

Immagino che tu ci sia stato per un lungo periodo, deve essere bello riuscire a costruire un’amicizia..

LE: sì, riuscivamo a incontrarci tutti e uscire assieme, bellissimo.

Quando abbiamo parlato la scorsa volta di Dracula Untold, mi è sembrato da un punto di vista atletico, piuttosto faticoso fisicamente, , anche Lo Hobbit è stato così, anche con l’aiuto della conmputer grafica?

LE: Oh sì, voglio dire, tutti i combattimenti che faccio, sono tutti reali, ero lì, li ho fatti io, e la scena del tetto? Ero io, ero appeso a dei cavi correndo e scivolando giù dai tetti, ero sempre io. Lo puoi vedere che era come se non riuscissi a nascondermi, ci è voluto un sacco di allenamento, ma penso che Dracula era molto più faticoso, è stato assurdo.

Sembra che ti renda orgoglioso il tuo lavoro di stunt e la coreografia delle battaglie, è qualcosa che è evoluta attraverso i ruoli che hai avuto?

LE: Sì assolutamente. Non sono arrivato un giorno e ho detto “Sì, farò tutti i miei stunts”, ho pensato “ Vedo come va con gli stunts e vedo se posso farli.” Sono in forma e la mantengo, mi piace la fisicità e mi piace mettermi alla prova. Penso di lavorare bene con i  coordinatori degli stunts, ho sempre capito la coreografia e capisco l’accuratezza e tutte queste cose, quindi se posso farlo io stesso lo faccio. È anche il senso di raggiungere un risultato, quando fai una cosa del genere.

Mi sembra di ricordare che il processo del tuo casting è stato piuttosto scollegato, ma prima che facessi l’audizione cosa conoscevi de Lo Hobbit? Eri già un fan del libro?

LE: ho letto il libro quando ero un adolescente e poi l’ho riletto di nuovo quando ho avuto la parte, come ripasso.

hobbitpeter

Sono stato fan di Peter Jackson dall’inizio della sua carriera, quando ancora faceva commedie gore, come è stato lavorare con lui?

LE: non penso sia cambiato molto! A parte che adesso può permettersi una steadicam, non deve costruirsela lui. Te lo ricordi?

Certo!

LE: con un paio di molle e un paio di pezzi di metallo e una cintura di pelle e tu pensi “Wow”! No, no è cambiato molto, credo che ancora abbia la passione e il fuoco in sé, che è una cosa fantastica.

E se decidesse di tornare alle origini e fare un altro insano horror, ci staresti?

LE: sì, assolutamente! Mi piacerebbe fare qualcosa con lui.

So che sto già andando oltre l’uscita al cinema, ma sai se qualcuna delle tue scene sarà nella versione estesa delle Cinque armate? Da quello che so Peter è piuttosto particolare e sicuro del fatto che ci sarà una versione più lunga per il rilascio in DVD.

LE: penso che ci sarà, sì. Penso che ci sarà da fare un sacco di lavoro. C’è una montagna di scene che so che non saranno nel film adesso ma che vuole comunque inserire, come la scena del tetto c’è assolutamtne tanta roba che entrerà di nuovo.

Sono sembre affascinato dalla reazione dei fan, soprattutto perche sono in bilico tra essere fan e essere scrittore, che può essere piuttosto intenso. È stata una buona esperienza per te?

LE: sì, è sempre stata positiva, ho amato ogni minuto. È una sensazione interessante uscire da una macchina e sentir urlare il tuo nome! È davvero emozionante. So che sarò fermato per strada per molto tempo come Bard l’Arciere e non mi dispiace affatto.

E in più sei anche un personaggio Lego adesso!

LE: ne ho addirittura due!! Grazie mille! Solo per essere chiari!

Mi arricuro di scriverlo in grassetto per te.
E volevo chiederti se ti prenderai una pausa ma sembra che tu sia una persona molto impegnata..

LE: Ho voluto finire questo anno in bellezza e impegnare il tempo che ho a promuovere questo film alla gente e portarlo in differenti paesi. E il prossimo anno inizio con questi due progetti, saranno annunciati presto, uno sarà girato qui in UK mentre l’altro.. forse anche quello. Uno è un film di Ben Wheatley, di cui sono molto entusiasta, che è Free Fire, il nuovo film che ha scritto, e non vedo l’ora di iniziare a girarlo. Ho avuto un anno davvero pieno e sono contento di ritirarmi per Natale e ricominciare l’anno prossimo riposato.

E il Corvo sta progredendo?

LE: No, non lo è. Al momento il Corvo non è un opzione per me. Credo che si farà qualcosa più avanti ma ho altri progetti che sono partiti e altri che mi interessano e non posso aspettare ancora.

Fonte DenOfGeek

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...