Q&A con il nuovo attore di “The Raven” Luke Evans

Buongiorno, cosa ne dite di iniziare la giornata con questa vecchia intervista di Luke rilasciata a LionHeartv.net?

Buona lettura!

La crescita dell’attore gallese Luke Evans (Scontro tra Titani, l’imminente Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato) di fronte a John Cusack nel nuovo ed elegante, thriller gotico “The Raven”. Il film verrà mostrato in esclusiva negli Ayala Malls Cinemas (Glorietta 4, Greenbelt 3 and Trinoma) a partire dal 23 maggio. Ne “Il Corvo”, quando un pazzo inizia a commettere orribili omicidi ispirati alle opere più oscure di Edgar Allan Poe un giovane detective di Baltimore, Emmet Fields (Evans) unisce le forze con Poe (Cusack) alla ricerca di un modo per entrare nella mente del killer in modo da fermarlo prima che trasformi le brutali storie di Poe in un’agghiacciante verità. Ne deriva un gioco mortale del gatto con il topo, che raggiunge l’apice quando l’amore di Poe (Alice Eve) diventa il prossimo bersaglio.



Domanda: Quando sei entrato nel mondo di Edgar Allan Poe, hai sentito il bisogno di fare molte ricerche e imparare tante cose sul quel periodo?
Luke Evans: Beh, la cosa grandiosa di quando fai qualcosa che ha un’essenza della storia o degli elementi di fatto o altre cose simili, che questo film ha, anche se è una storia romanzata degli ultimi cinque giorni della sua vita, e che si parla di una persona reale. Ci sono tante informazioni e fantastiche biografie su Poe, e ovviamente sul suo lavoro. Cioè sono pieno di riferimenti.

Domanda: Parlaci un po’ di com’è lavorare con John Cusack. Siete riusciti a sviluppare una rapporto fuori dal set? Sei riuscito ad esporti al di fuori?
Luke: John è un attore versatile, lavora ad ogni cosa. Fa commedie, dramma, thriller; può interpretare qualsiasi genere. Quando assume il ruolo di Poe, si può vedere dalla sua performance nel film che ha fatto veramente il suo lavoro e ha fatto un’enormità di ricerche sul personaggio di Poe e la sua personalità e nel modo in cui parla e tutte le idiosincrasie che componevano Edgar Allan Poe. E da attore – penso ancora a me stesso che sono nuovo nel mondo dei film, è da più o meno tre anni e mezzo o forse quattro – poter lavorare di fronte a qualcuno come John è un regalo. È solo un regalo. È come stare nella classe regina e guardare come lievi sfumature nelle loro performance posso cambiare l’intera scena. Cioè per me è stato un grande piacere lavorare con lui. È una persona fantastica dentro e fuori lo schermo. Cenavamo alla grande quando non lavoravamo, belle chiacchierate. È una persona grandiosa. Spero di lavorarci di nuovo insieme un giorno.

Domanda: Una delle cose che ammiro del film e che c’è un po’ di sangue e budella, soprattutto con il fatto che Poe ha scritto molti romanzi gialli, era un ragazzo da sangue e budella. Sei felice che la categoria sia una R e che non abbiano evitato sangue nel film?
Luke: Penso fosse assolutamente essenziale, anche per rispetto del lavoro di Poe, che la storia di questi omicidi fosse raccontata con la rappresentazione grafica di come erano stati scritti. Penso che sarebbe stato in un certo senso disonorevole se non avessimo fatto qualcosa, ma farne un R e permettere alle persone di contorcersi ai loro posti.

Domanda: Puoi parlarci di quanto del tuo personaggio, quanto è cambiato, se non altro, visto che tu per primo sei coinvolto, di cosa il pubblico vedrà sullo schermo?
Luke: Non è cambiato molto, penso che l’unica cosa che potrebbe essere leggermente cambiata nel corso era il percorso emotivo che il mio personaggio prende e dove lo prende. Io e il direttore, James McTeigue, abbiamo parlato terribilmente tanto di come il suo personaggio è giustapposto al personaggio di Poe, e come uno è ancora un uomo per bene e che sta cercando di far mantenere al pazzo e furioso personaggio di Poe un senso di correttezza e integrità morale, cercando di impedirgli di perdere la ragione e non riuscire ad essere una risorsa per trovare l’assassino. A parte questo non credo che il copione cambierà molto durante la lavorazione. Ovviamente andando avanti ne film il tuo personaggio si sviluppa e a volte alcune cose necessitano di essere ottimizzate e una certa linea non porta più beneficio al personaggio, quindi si, ci sono delle piccole modifiche e stiamo andando per le lunghe, ma niente di folle.

Domanda: Negli ultimi anni la tua carriera ha preso una traiettoria in salita, essendo in molti progetti di rilievo, puoi parlarci un po’ di cosa è stato per te?
Luke: Sì, si potrebbe dire che, non è mai veramente stato nei miei piani fare film, era una specie di sogno, quando è accaduto e diciamo la palla è caduta ed ha iniziato a girare molto velocemente, ci sono voluti un paio lavori prima che mi prendessi una pausa per mettere tutto in prospettiva. Sono stati un paio di anni della mia vita incredibili. I miei amici a casa sono ancora sotto shock di dove sono arrivato e di cosa sto facendo ed effettivamente è successo a me e non a molti altri. Ma, no, è brillante. È come vincere alla lotteria, sto avendo un momento fantastica, intendo chi non vorrebbe? Questo è il miglior lavoro al mondo.


Se volete pubblicare questa nostra intervista tradotta sul vostro sito, blog, pagina Facebook & quanto di simile, vi chiediamo gentilmente di citarci. Grazie 🙂

Traduzione a cura di Angela per il Luke Evans Addicted Italia
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...